Barzellette
Barzellette divertenti: le barzellette, i colmi le freddure più divertenti del web

Comics Zone .: Barzellette

Barzellette militari | Parte 08

Barzellette militari In uno scompartimento ferroviario ci sono una bella ragazza, una rispettabile vecchia signora, un sergente ed un soldato semplice. Il treno entra in una galleria buia e, per il solito"inconveniente tecnico", la luce dello scompartimento non si accende. All'improvviso, in mezzo all'oscurità si sentono il rumore di un sonoro bacio <smack!> e subito dopo di uno schiaffone <sciaff!>. Il treno esce dalla galleria. La vecchia signora pensa: "Uno di quei due mascalzoni ha baciato la signorina e la signorina ha risposto con un ceffone. Brava!". La ragazza pensa: "Uno di quei militari voleva baciarmi, ha baciato la vecchia e si è preso una bella sberla". Il sergente pensa: "Accidenti, il soldato ha baciato la ragazza ... ma lo schiaffo me lo sono preso io!". Il soldato pensa: "Speriamo che ci sia un'altra galleria, così mi bacio ancora il dorso della mano e rifilo un altro schiaffone al sergente!"
Barzellette militari Saddam Hussein e Bill Clinton s'incontrano a Baghdad per il primo giro d'incontri in un nuovo processo di pace. Quando Bill si siede, nota che ci sono tre tasti sulla sedia di Saddam. Iniziano a parlare e dopo 5 minuti Saddam preme il primo tasto. Un guanto da pugile esce da una scatola sulla scrivania e becca Bill dritto in faccia. Confuso, Clinton continua a parlare, mentre Saddam se la ride. Un paio di minuti dopo il secondo tasto viene premuto. Questa volta spunta uno scarpone che molla un calcio a Clinton. Di nuovo Saddam se la ride e di nuovo Clinton continua a parlare, non volendo rovinare un'occasione di pace tra i due paesi. Ma quando il terzo tasto viene premuto e un altro scarpone esce e calcia Clinton nelle palle, ne ha avuto finalmente abbastanza, e dice: "Me ne torno a casa. Finiremo i colloqui a Washington tra un mese". Passa il mese e Saddam va a Washington per il meeting. Quando Saddam si siede di fronte a Clinton nota i 3 tasti sulla sedia di Bill e si prepara alla vendetta di Clinton. Iniziano a parlare e Bill preme il primo bottone. Saddam fa il gesto di evitare il pugno, ma non succede niente. Clinton se la ride a denti stretti. Poco dopo Clinton preme il secondo bottone. Saddam fa un salto all'indietro, ma di nuovo non succede niente. Clinton scoppia a ridere. Ma quando Clinton preme il terzo bottone, Saddam fa un nuovo salto all'indietro ma di nuovo, non succede niente. Clinton è per terra con una crisi di isterismo. "Lascia stare"disse Saddam. "Io me ne torno a Baghdad!". E Clinton, tra le lacrime: "Quale Baghdad?".
Barzellette militari In una caserma un sergente interroga le nuove reclute: "CHI E' CHE SA COS'E' LA PATRIA?". Nessuna risposta. Il sergente: "TU ... COME TI CHIAMI?". "Rossi". Il sergente: "SECONDO TE COS'E' LA PATRIA?". "Non saprei ... ". E il sergente: "IGNORANTE E BUONO A NULLA! LA PATRIA è TUA MADRE!". Il giorno dopo si ripete la solita scena, soliti soldati, solito sergente, stesse domande. Il sergente: "TU COME TI CHIAMI?". "Bianchi". Il sergente: "COS'E' SECONDO TE LA PATRIA?". Questa volta il soldato convinto della risposta esclama: "La patria è la madre del soldato Rossi ... "


Pagina 8
Bellezze su Buongiorno Web
Donne Vip Gallery for Man
Buongiorno Web su Facebook